Passeggiate nel cinema pasoliniano

Uccellacci e uccellini (1966) è la passeggiata di un padre e di un figlio in una geografia immaginaria. A partire dalla superstrada in costruzione, i due seguono il percorso eterotopico (Bruno, 2006, p. 30)

Film completo [Youtube]

La camminata.

Una camminata diversa, da un diverso percorso di vita, forma il paesaggio cinematografico di Mamma Roma (1962). È l’etimologia stessa di metropoli – città-madre – ad essere esplorata nell’intervento pasoliniano […]. Mamma Roma è un film sull’architettura come struttura dello stile di vita. […] Materializzando la semiotica della prostituzione, Pasolini fa rappresentare a Mamma Roma le sue deambulazioni.

Film completo [Youtube]

Camminata notturna di Mamma Roma [min. 22.38]

Peter Greenaway e il cinema digitale

Sia nell’installazione del regista e videoartista Peter Greenaway, The Stairs 1 – Geneva (1994), installazione pubblica per le vie di Ginevra, che in On tralastion: I Giardini realizzata da Antoni Muntadas nel padiglione spagnolo alla Biennale di Venezia del 2005, «l’attenzione per il punto di vista e per il dispositivo di visione architettonico richiama l’esperienza precinematografica del panorama ottocentesco ma in un’ottica dichiaratamente postmediale»

[…]

Peter Greenaway affermò che nei suoi film si dovesse poter passeggiare come dentro un edificio progettato da Renzo Piano; «io passeggio, io scelgo i punti di vista, – aggiunse – però sono sempre all’interno di una visione d’autore» (da intervista a Giovanni Bogani).