La straordinaria contemporaneità della tavola peutingeriana

Oggi mi sono imbattuta in un interessante articolo di Marco Biraghi di qualche mese fa che parlava della Biennale d’Architettura.

Tavola Peutingeriana

Un particolare della Tavola Peutingeriana

Nel testo si faceva riferimento alla Tavola Peutingeriana, una straordinaria mappa che si colloca a pieno titolo nella nostra ricognizione sulle mappe che senza la pretesa di riportare su carta la REALTA’ ce la fanno conoscere nel profondo. Scrive Biraghi:

un’ottica che rifiuta la semplice riproduzione in scala ridotta dell’esistente (come fa la cartografia tradizionale), così come pure una sua selezione estetizzata (come fa un approccio turistico); un’ottica che accetta e fa propria una visione deformata, “scorciata” (o piuttosto, all’opposto, allungata, “stirata”) e ciò nondimeno – o proprio perciò – fortemente realistica; un’ottica descrittiva, analitica ma al tempo stesso cumulativa, totale. La stessa ottica che allinea lungo una strada un paesaggio stratificato, complesso, in cui – proprio come nella Tabula Peutingeriana – si affastellano fenomeni di natura diversa. Un’attendibile immagine del mondo – il mondo contemporaneo! – in un’epoca che con la sua iperproduzione di immagini stenta ormai a essere credibile.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s